Caricamento Eventi
  • Questo evento è passato.

LOST IN ROME

Dettagli

Inizio:
20 Novembre 2018
Fine:
2 Dicembre 2018
Categoria Evento:

Luogo

Cometa Off
Via Luca della Robbia, 47
Roma, RM 00153 Italia
+ Google Maps
Telefono:
+39 06 57284637
Sito web:
cometaoff.it

Tra sonetti di Gioacchino Belli, Mauro Maré ed Elia Marcelli, canzoni e passeggiate romane, lo spettacolo si dipana attraverso un repertorio che spazia da Romolo Balzani a Kurt Weill, da Carlo Rustichelli a Tom Waits, da Armando Trovajoli agli America e a Pino Daniele.

E ogni (ri)scoperta esplora nuove possibilità di ispirazione per l’articolo che il protagonista Lorenzo, un giornalista alla ricerca dell’anima di Roma, deve scrivere per il suo caporedattore. Un viaggio a volo d’angelo insomma, nella contaminazione musicale di questa nostra Caput Mundi in compagnia della banda dell’Uku, della giovane Maddalena al violino e di Angelo Maggi, come amici che suonano su una zattera del fiume, su un balcone altolocato, ai piedi di una chiesa, o correndo a perdifiato per il pratone del Circo Massimo…

L’omo nun sa indó va,
però cce va dde prescia.

Aggrediti da una città che è anche il mondo, una città rumorosa, minacciosa, grottesca, travolta da scadenze, urla, minacce: parole urlate. Suoni. E lui allora, disperato, solo, se ne va, e parte, pur in mezzo a tanto chiasso, ché la stessa città gli offre altri spazi, altri silenzi, altri rumori. Gli risveglia ricordi. Gli prepara altri incontri, altre occasioni. Altre parole. In questo viaggio lo accompagnano i grandi del nostro passato, il gigante Giuseppe Gioachino Belli, la pura voce del popolo Giggi Zanazzo, il Trilussa severo delle poesie sulla guerra, l’epico Elia Marcelli, la babele assoluta della parola di Mauro Marè. E la forza linguistica (la “tigna” viene da dire) di Pierpaolo Palladino. Lui, Angelo, confuso e disciplinato, severo e allegro, lirico e cinico, fragile e tenace, cerca, dialoga, si confonde, si orienta. E alla fine, forse, trova… una città? La sua città? La sua città, appunto, che è “eterna”? Forse. O forse semplicemente ritrova se stesso.