STORIA D’INCROCI E D’ANARCHIA

STORIA D’INCROCI E D’ANARCHIA

di e con Veronica Milaneschi

Regia di Patrizio Cigliano

 

Torna in scena a Roma al teatro Cometa Off, “STORIA D’INCROCI E D’ANARCHIA”, monologo scritto e interpretato da Veronica Milaneschi, con la regia di Patrizio Cigliano.
Siamo a Roma in questi giorni e una donna si arrabbia, contro se stessa, contro la sua famiglia e la società. Ma c’ è un particolare: si sente un’erinni moderna chiamata dalle divinità più potenti dell’Olimpo per punire gli uomini per le loro nefandezze. Invece di andare in giro sul carro di Apollo, si muove con “Cesare Augusto” il suo motorino: ”senza parabrezza, senza casco, senza freni, ‘na pazza”. E’ un grande circolo vizioso da cui la nostra eroina non uscirà mai. Con Ironia e sincerità, attraverso mille dialetti e stili recitativi diversi verrete condotti per mano tra le strade più belle di Roma, dove molte cose ci sono ancora da scoprire. Dal Mosè Ridicolo, alla storia di Righetto passando per casa di Nino Manfredi e Mastroianni, senza scordarci Albertone e poi la Roma Razionalista, quella Umbertina, il quartiere Coppedé fino al Vaticano e qui ci saranno delle sorprese. La rabbia come motore pulsante di un essere umano, un essere umano che si specchia in una città che vorrebbe essere sempre più veloce ma che si trova bloccata nel traffico tra le macchine. E il traffico, gli incroci e le macchine sono proprio gli elementi con cui si gioca in questo spettacolo; spunti comici che danno vita a momenti di spettacolo esilaranti e surreali. Una storia ambientata a Roma ma che può essere immaginata in qualunque città d’Italia.

Note di Regia

Ci sono spettacoli che pizzicano le corde comiche, ma non solo (!), di tutti. È il caso di “STORIA D’INCROCI E D’ANARCHIA”, che affonda la sua graffiante e spassosa comicità nel disagio urbano di molti e nella difficoltà (sempre pericolosamente crescente) di gestione della rabbia e del nervosismo che tracima copiosamente dal fiume della pazienza. E Nika, il personaggio che Veronica Milaneschi ha sapientemente scritto, sente su di sé il peso dell’impegno civico e sociale per ripristinare un ordine superiore – partendo da quello urbano – con cui rendere più sostenibile e meno stressante la convivenza cittadina. Nika è arrabbiata, insofferente verso l’approssimazione altrui, verso i soprusi metropolitani degli altri cittadini, sempre troppo pronti a infrangere le regole del codice della strada. Ma questi soprusi stradali diventano metafora ben più alta: la convivenza ha delle regole necessarie al rispetto di tutti. Non solo sulla strada. E infatti Nika, cercando un perché al suo eccessivo rigore, va a pescare lontano. E in una specie di grottesca seduta psicanalitica, trova nella Nika bambina, alcune delle sue risposte. Un’infanzia indirizzata dalla famiglia alla giustizia, al rigore, alle regole, al rispetto, e uno sviluppo scolastico fatto di qualche inattesa delusione, l’hanno portata a auto-nominarsi “salvatrice del traffico cittadino”, e a dar vita a innumerevoli racconti esilaranti di questa missione salvifica. Forse non riuscirà nell’’ audace intento, ma per un’ora di spettacolo, ci travolgerà con la grinta e la grande teatralità di una vera mattatrice. E dirigerla (e guardarla in scena) è stato un piacere, perché quando un’attrice riesce a fondere una grandissima tecnica attoriale con la necessaria umanità della persona, l’attore che ne esce è “totale”, capace di farci ridere davvero tanto con un monologo in cui, attraverso una dozzina di personaggi, ci porta in un mondo popolare ma coltissimo, pieno di riferimenti addirittura “epico/mitologici”, ricco di situazioni paradossali ed esilaranti, ma altrettanto capace di farci intravedere, fra le crepe del comico, qualcosa di più profondo: un disagio che sta sotto pelle, spesso ignorato, ma pronto a ruggire e piangere, come un mostro ben poco sicuro di sé. E in fondo come tutti noi.

Patrizio Cigliano

 

? Lunedì 25 Marzo 2024 alle ore 21.00

 

?️ Biglietto Intero Botteghino :  € 15,00 – Ridotto Botteghino : € 12,50  (+ ? tessera associativa di € 2,50)

 

L’evento è riservato ESCLUSIVAMENTE ai soci di Cometa Off. 

? ASSOCIATI qui ?

ASSOCIATI

 

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47 (angolo Piazza Testaccio)

Infoline e prenotazioni : 06 57284637

email : cometa.off@cometa.org

Teatro sanificato nel rispetto delle misure ANTICOVID.

NANNARE’

Associazione Culturale Arcadinoè

presenta

NANNARE’

In memoria di tutti i femminicidi

Novità di e con Giulia Ricciardi

Regia di Patrizio Cigliano

Regista collaboratrice : Claudia Genolini – Ufficio Stampa : Maresa Palmacci

 

Nannarè è una puttana romana, già “matura”, che si racconta senza falsi pudori. Nell’ambiente “di lavoro” è stata ribattezzata Nannarè perché, con la sua romanità spudorata, la sua schiettezza ineluttabile, il suo aspetto e i suoi colori ricorda l’indimenticata Anna Magnani. E’ una donna del popolo, e forse la troviamo durante un interrogatorio di fronte alla Polizia. O forse no. A chi parla? Con chi, si mette così a nudo mostrando anche le sue molte fragilità? Parla di una vita difficile, faticosa, pericolosa, lasciandoci intuire le molte violenze cui è stata sottoposta fin da bambina,già obbligata a “battere” il marciapiede.
Cerca un perdono? Una redenzione? …E davanti a chi? La sua umanità è emozionante, commovente, trasgressiva e a volte persino fastidiosa, ma niente è come sembra e Nannarè si metterà in gioco… forse per l’ultima volta.

 

? Lunedì 18 Marzo 2024 alle ore 21.00

 

?️ Biglietto Intero Botteghino :  € 17,50 – Ridotto Botteghino : € 15,00  (+ ? tessera associativa di € 2,50)

 

L’evento è riservato ESCLUSIVAMENTE ai soci di Cometa Off. 

? ASSOCIATI qui ?

ASSOCIATI

 

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47 (angolo Piazza Testaccio)

Infoline e prenotazioni : 06 57284637

email : cometa.off@cometa.org

Teatro sanificato nel rispetto delle misure ANTICOVID.

STORIA D’INCROCI E D’ANARCHIA

STORIA D’INCROCI E D’ANARCHIA

di e con Veronica Milaneschi

Regia di Patrizio Cigliano

 

Torna in scena a Roma al teatro Cometa Off, “STORIA D’INCROCI E D’ANARCHIA”, monologo scritto e interpretato da Veronica Milaneschi, con la regia di Patrizio Cigliano.
Siamo a Roma in questi giorni e una donna si arrabbia, contro se stessa, contro la sua famiglia e la società. Ma c’ è un particolare: si sente un’erinni moderna chiamata dalle divinità più potenti dell’Olimpo per punire gli uomini per le loro nefandezze. Invece di andare in giro sul carro di Apollo, si muove con “Cesare Augusto” il suo motorino: ”senza parabrezza, senza casco, senza freni, ‘na pazza”. E’ un grande circolo vizioso da cui la nostra eroina non uscirà mai. Con Ironia e sincerità, attraverso mille dialetti e stili recitativi diversi verrete condotti per mano tra le strade più belle di Roma, dove molte cose ci sono ancora da scoprire. Dal Mosè Ridicolo, alla storia di Righetto passando per casa di Nino Manfredi e Mastroianni, senza scordarci Albertone e poi la Roma Razionalista, quella Umbertina, il quartiere Coppedé fino al Vaticano e qui ci saranno delle sorprese. La rabbia come motore pulsante di un essere umano, un essere umano che si specchia in una città che vorrebbe essere sempre più veloce ma che si trova bloccata nel traffico tra le macchine. E il traffico, gli incroci e le macchine sono proprio gli elementi con cui si gioca in questo spettacolo; spunti comici che danno vita a momenti di spettacolo esilaranti e surreali. Una storia ambientata a Roma ma che può essere immaginata in qualunque città d’Italia.

Note di Regia

Ci sono spettacoli che pizzicano le corde comiche, ma non solo (!), di tutti. È il caso di “STORIA D’INCROCI E D’ANARCHIA”, che affonda la sua graffiante e spassosa comicità nel disagio urbano di molti e nella difficoltà (sempre pericolosamente crescente) di gestione della rabbia e del nervosismo che tracima copiosamente dal fiume della pazienza. E Nika, il personaggio che Veronica Milaneschi ha sapientemente scritto, sente su di sé il peso dell’impegno civico e sociale per ripristinare un ordine superiore – partendo da quello urbano – con cui rendere più sostenibile e meno stressante la convivenza cittadina. Nika è arrabbiata, insofferente verso l’approssimazione altrui, verso i soprusi metropolitani degli altri cittadini, sempre troppo pronti a infrangere le regole del codice della strada. Ma questi soprusi stradali diventano metafora ben più alta: la convivenza ha delle regole necessarie al rispetto di tutti. Non solo sulla strada. E infatti Nika, cercando un perché al suo eccessivo rigore, va a pescare lontano. E in una specie di grottesca seduta psicanalitica, trova nella Nika bambina, alcune delle sue risposte. Un’infanzia indirizzata dalla famiglia alla giustizia, al rigore, alle regole, al rispetto, e uno sviluppo scolastico fatto di qualche inattesa delusione, l’hanno portata a auto-nominarsi “salvatrice del traffico cittadino”, e a dar vita a innumerevoli racconti esilaranti di questa missione salvifica. Forse non riuscirà nell’’ audace intento, ma per un’ora di spettacolo, ci travolgerà con la grinta e la grande teatralità di una vera mattatrice. E dirigerla (e guardarla in scena) è stato un piacere, perché quando un’attrice riesce a fondere una grandissima tecnica attoriale con la necessaria umanità della persona, l’attore che ne esce è “totale”, capace di farci ridere davvero tanto con un monologo in cui, attraverso una dozzina di personaggi, ci porta in un mondo popolare ma coltissimo, pieno di riferimenti addirittura “epico/mitologici”, ricco di situazioni paradossali ed esilaranti, ma altrettanto capace di farci intravedere, fra le crepe del comico, qualcosa di più profondo: un disagio che sta sotto pelle, spesso ignorato, ma pronto a ruggire e piangere, come un mostro ben poco sicuro di sé. E in fondo come tutti noi.

Patrizio Cigliano

 

? Lunedì 04 Marzo 2024 alle ore 21.00

? Lunedì 25 Marzo 2024 alle ore 21.00

 

?️ Biglietto Intero Botteghino :  € 15,00 – Ridotto Botteghino : € 12,50  (+ ? tessera associativa di € 2,50)

 

L’evento è riservato ESCLUSIVAMENTE ai soci di Cometa Off. 

? ASSOCIATI qui ?

ASSOCIATI

 

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47 (angolo Piazza Testaccio)

Infoline e prenotazioni : 06 57284637

email : cometa.off@cometa.org

Teatro sanificato nel rispetto delle misure ANTICOVID.

NANNARE’

Associazione Culturale Arcadinoè

presenta

NANNARE’

In memoria di tutti i femminicidi

Novità di e con Giulia Ricciardi

Regia di Patrizio Cigliano

Regista collaboratrice : Claudia Genolini – Ufficio Stampa : Maresa Palmacci

 

Nannarè è una puttana romana, già “matura”, che si racconta senza falsi pudori. Nell’ambiente “di lavoro” è stata ribattezzata Nannarè perché, con la sua romanità spudorata, la sua schiettezza ineluttabile, il suo aspetto e i suoi colori ricorda l’indimenticata Anna Magnani. E’ una donna del popolo, e forse la troviamo durante un interrogatorio di fronte alla Polizia. O forse no. A chi parla? Con chi, si mette così a nudo mostrando anche le sue molte fragilità? Parla di una vita difficile, faticosa, pericolosa, lasciandoci intuire le molte violenze cui è stata sottoposta fin da bambina,già obbligata a “battere” il marciapiede.
Cerca un perdono? Una redenzione? …E davanti a chi? La sua umanità è emozionante, commovente, trasgressiva e a volte persino fastidiosa, ma niente è come sembra e Nannarè si metterà in gioco… forse per l’ultima volta.

 

? Lunedì 19 Febbraio 2024 alle ore 21.00

? Lunedì 18 Marzo 2024 alle ore 21.00

 

?️ Biglietto Intero Botteghino :  € 17,50 – Ridotto Botteghino : € 15,00  (+ ? tessera associativa di € 2,50)

 

L’evento è riservato ESCLUSIVAMENTE ai soci di Cometa Off. 

? ASSOCIATI qui ?

ASSOCIATI

 

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47 (angolo Piazza Testaccio)

Infoline e prenotazioni : 06 57284637

email : cometa.off@cometa.org

Teatro sanificato nel rispetto delle misure ANTICOVID.

NANNARE’

Associazione Culturale Arcadinoè

presenta

NANNARE’

In memoria di tutti i femminicidi

Novità di e con Giulia Ricciardi

Regia di Patrizio Cigliano

Regista collaboratrice : Claudia Genolini – Ufficio Stampa : Maresa Palmacci

 

Nannarè è una puttana romana, già “matura”, che si racconta senza falsi pudori. Nell’ambiente “di lavoro” è stata ribattezzata Nannarè perché, con la sua romanità spudorata, la sua schiettezza ineluttabile, il suo aspetto e i suoi colori ricorda l’indimenticata Anna Magnani. E’ una donna del popolo, e forse la troviamo durante un interrogatorio di fronte alla Polizia. O forse no. A chi parla? Con chi, si mette così a nudo mostrando anche le sue molte fragilità? Parla di una vita difficile, faticosa, pericolosa, lasciandoci intuire le molte violenze cui è stata sottoposta fin da bambina,già obbligata a “battere” il marciapiede.
Cerca un perdono? Una redenzione? …E davanti a chi? La sua umanità è emozionante, commovente, trasgressiva e a volte persino fastidiosa, ma niente è come sembra e Nannarè si metterà in gioco… forse per l’ultima volta.

 

? Lunedì 15 Gennaio 2024 alle ore 21.00 

? Lunedì 19 Febbraio 2024 alle ore 21.00

? Lunedì 18 Marzo 2024 alle ore 21.00

 

?️ Biglietto Intero Botteghino :  € 17,50 – ?️ Ridotto Botteghino : € 15,00  (+ ? tessera associativa di € 2,50)

 

L’evento è riservato ESCLUSIVAMENTE ai soci di Cometa Off. 

? ASSOCIATI qui ?

ASSOCIATI

 

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47 (angolo Piazza Testaccio)

Infoline e prenotazioni : 06 57284637

email : cometa.off@cometa.org

Teatro sanificato nel rispetto delle misure ANTICOVID.

NANNARE’

Associazione Culturale Arcadinoè

presenta

NANNARE’

In memoria di tutti i femminicidi

Novità di e con Giulia Ricciardi

Regia di Patrizio Cigliano

Regista collaboratrice : Claudia Genolini – Ufficio Stampa : Maresa Palmacci

 

Nannarè è una puttana romana, già “matura”, che si racconta senza falsi pudori. Nell’ambiente “di lavoro” è stata ribattezzata Nannarè perché, con la sua romanità spudorata, la sua schiettezza ineluttabile, il suo aspetto e i suoi colori ricorda l’indimenticata Anna Magnani. E’ una donna del popolo, e forse la troviamo durante un interrogatorio di fronte alla Polizia. O forse no. A chi parla? Con chi, si mette così a nudo mostrando anche le sue molte fragilità? Parla di una vita difficile, faticosa, pericolosa, lasciandoci intuire le molte violenze cui è stata sottoposta fin da bambina,già obbligata a “battere” il marciapiede.
Cerca un perdono? Una redenzione? …E davanti a chi? La sua umanità è emozionante, commovente, trasgressiva e a volte persino fastidiosa, ma niente è come sembra e Nannarè si metterà in gioco… forse per l’ultima volta.

 

Martedì 21 Marzo e Mercoledì 22 Marzo 2023 alle ore 21.00 

 

Biglietto Intero Botteghino :  € 17,50 – Ridotto Botteghino : € 15,00  (+ tessera associativa di € 2,50)

 

L’evento è riservato ESCLUSIVAMENTE ai soci di Cometa Off. 

? ASSOCIATI qui ?

ASSOCIATI

 

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47 (angolo Piazza Testaccio)

Infoline e prenotazioni : 06 57284637

email : cometa.off@cometa.org

Teatro sanificato nel rispetto delle misure ANTICOVID.

CANTIGOLA

Dal 30 gennaio al 2 febbraio 2020, giovedì – sabato ore 21, domenica ore 18
Biglietti disponibili online per i Soci

Per partecipare all’evento devi essere socio dell’Associazione Culturale Cometa Off

ASSOCIATI

 

“Sta terra ca’ nd’ atterro’,
ca’ ni condannò.“

Calabria. Anni 90.
Terra riscaldata dal calore del sole e all’ombra di una criminalità organizzata.
Cantigola, così la chiamano, quella presenza la conosce malgrado i suoi 14 anni.
È consapevole delle regole, ma cerca di vivere la sua adolescenza come se fosse in un posto diverso, in un paese diverso. Perché in certi posti non puoi pensare, non devi parlare.
Lei, invece, desidera mettere in scena la sua tragedia greca.

Qualcuno dirà: “u’ show”

Purtroppo in certi luoghi cresci prima.
Ogni cosa assume
un nuovo significato. Un nuovo sapore, prende nuove forme.

Nella voce di Roxy Colace c’è la verità di una cruda storia italiana. Attraverso un sapiente uso di toni, colori, musiche e dialetti, accompagnati da una comicità amara capace di gettare luce sulle ambiguità di un Sud autentico, questa storia personale che è la storia di tanti, ci porta per mano nelle faglie di un mondo verace, vitale, violento e decadente al tempo stesso, eppure terribilmente sensibile.

 

Di e con Roxy Colace
Regia Patrizio Cigliano
Luci Ettore Bianco
Grafica Giuseppe Curto

Dal 30 gennaio al 2 febbraio 2020, giovedì – sabato ore 21, domenica ore 18
Biglietti disponibili online per i Soci

Per partecipare all’evento devi essere socio dell’Associazione Culturale Cometa Off

ASSOCIATI