AGO – CAPITANO SILENZIOSO

ARIELE VINCENTI 

in

AGO – CAPITANO SILENZIOSO

di e con Ariele Vincenti

Luci Luca Palimieri – Fonica Fabrizio Cioccolini

Ufficio Stampa Teresa Bartoli – Foto Gabriella Vaghini – Grafica Marco Animobono

Si ringrazia Nicola Pistoia Er Pinto – La canzone Calcio Figlio del Popolo è di Emilio Stella

 

È la storia di Agostino Di Bartolomei, il Capitano Silenzioso, lasciato ai margini da un mondo che non si volta indietro. Un uomo cresciuto in borgata, tra partite sui prati e cinematografi, che con il suo linguaggio forbito, portava in giro per l’Italia una Romanità diversa, dove i valori di solidarietà ed ironia sono il suo fondamento.
Lo spettacolo racconta la storia di un calcio e di un tempo che non c’è più, attraverso gli occhi e la memoria di un tifoso della Roma, ex Ultrà di Curva anni ’80, cresciuto nella stessa borgata ed amico di Ago.

“In porto ci arriveremo sicuramente, vediamo di arrivarci col vessillo”.

Era un Capitano Silenzioso, ma quando parlava lasciava il segno.
Sul campo affrontava gli avversari con umiltà ed abnegazione, quando segnava si inginocchiava davanti ai suoi tifosi perchè “bisogna avere sempre rispetto della gente che paga il biglietto”.
Agostino non era capace di essere ipocrita, forse è per questo che è stato emarginato dal suo ambiente, perchè era gentile ed educato.
Ma senza questi valori il calcio cosa diventa?

 

📅 Serata speciale Giovedì 30 Maggio 2024 ore 21.30 

📅 Da Martedì 28 Maggio  a Sabato 01 Giugno 2024 alle ore 21.00 

📅 Domenica 02 Giugno 2024 ore 18.00

 

🎟️ Biglietto Intero :  € 12,50 (+ 💳 tessera associativa di € 2,50)

 

L’evento è riservato ESCLUSIVAMENTE ai soci di Cometa Off. 

👇 ASSOCIATI qui 👇

ASSOCIATI

 

👇 2) Poi acquista i biglietti ON-LINE 👇

BIGLIETTI

 

 

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47 (angolo Piazza Testaccio)

Infoline e prenotazioni : 06 57284637

email : cometa.off@cometa.org

Teatro sanificato nel rispetto delle misure ANTICOVID.

LA FINESTRA

PIERGIORGIO SEIDITA

presenta

LA FINESTRA

scritto e diretto da Piergiorgio Seidita

con  Jacopo Casalino e Chiara Bono

 

Leo ed Emma vivono in un loft, ed ogni giorno, dalla loro finestra, studiano le vite delle altre persone. Si appassionano talmente tanto, che inizieranno ad analizzare la propria vita di coppia, entrando in crisi con le scelte che hanno fatto e con la paura di quelle che dovranno affrontare.

Lo spettacolo è interpretato da Jacopo Casalino e Chiara Bono (Allievi del Centro Sperimentale di Cinematografia) e diretto da Piergiorgio Seidita (Premio Troisi nel 2019 e vincitore del Critic’s Choice Award in Australia).

 

📅 Lunedì 20 Maggio 2024 ore 21.00

 

🎟️ Biglietto Intero  :  € 12, 00  (+ 💳 tessera associativa di € 2,50)

 

L’evento è riservato ESCLUSIVAMENTE ai soci di Cometa Off. 

👇 ASSOCIATI qui 👇

ASSOCIATI

 

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47 (angolo Piazza Testaccio)

Infoline e prenotazioni : 06 57284637

email : cometa.off@cometa.org

 

IL SIMULATORE

Associazione Segni d’Arte

presenta

IL SIMULATORE

Tratto da una storia quasi vera

Scritto e diretto da Veruska RossiRiccardo Scarafoni

con Lodovico Balzoni, Giorgia Brunori, Daniele Felici, Claudio Marsicola, Silvia Parasiliti Collazzo, Stefano Sardo e Emanuele Squillace

Scene Francesca Meloni, Luci Luca Carnevale, Costuni Lisa Sorone Foto e Grafica Patrizio Cocco

 

 

Matteo, un ragazzo poco più che ventenne, è in carcere.
Ha confessato un crimine terribile: l’omicidio del padre.
Subito dopo essersi dichiarato colpevole, cade in un sonno profondo. Non risponde a nessuno stimolo. Non è in coma. Non sta male. Semplicemente, dorme.
Nel reparto ospedaliero del carcere, intorno al suo letto, vorticano sei personaggi.
Il medico che lo ha in cura, che crede sia un simulatore che adotta l’espediente del sonno per ricavare dei vantaggi, come una pena più mite o un trattamento di favore; la sorella, presente al momento dell’omicidio, che non ricorda nulla, che ha completamente rimosso l’accaduto e che non riesce a capire il perché Matteo ha ucciso il padre; l’ avvocato, una giovane donna al suo secondo incarico, che cerca un’impossibile linea di difesa; il secondino, un uomo bonario fissato con le ricette di cucina; il fisioterapista che fa fare attività fisica ogni giorno al detenuto; l’ addetto alle pulizie, un ex “ospite” del carcere.
Col passare del tempo, il “Simulatore” diventa l’ “Ascoltatore”. La sua condizione lo rende un interlocutore perfetto. Tutti i personaggi si confessano al capezzale di Matteo, che sembra veramente in ascolto dei segreti e delle storie dei personaggi.
Il tempo passa, le fasi del processo si stanno concludendo e l’esito sembra scontato ma Matteo dorme ancora. Non si è mai svegliato. Non può difendersi. Non può spiegare il perché di tale gesto.

Esiste una ragione per quanto è accaduto? E se esiste qual è?

Un breve e intenso viaggio, ricco di spunti di riflessione, che regala anche momenti di commedia, di ilarità. Un racconto agrodolce, con personaggi duri e divertenti, profondi e fragili, vittime e carnefici. Ognuno alla ricerca della propria verità.
A noi, non rimane che sbirciare. Con gli occhi lucidi e un sorriso sulle labbra.

 

📅 Da Martedì 14 a Sabato 18 Maggio 2024 alle ore 21.00

📅 Domenica 19 Maggio 2024 alle ore 18.00

🎟️ Biglietto Intero  :  € 15,00 (+ 💳 tessera associativa di € 2,50) 

 

L’evento è riservato ESCLUSIVAMENTE ai soci di Cometa Off. 

👇 1) ASSOCIATI qui 👇

ASSOCIATI

👇 2) Poi acquista i biglietti ON-LINE 👇

BIGLIETTI

 

 

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47 (angolo Piazza Testaccio)

Infoline e prenotazioni : 06 57284637

email : cometa.off@cometa.org

 

E TU CHE MITO SEI?

Giuseppe Sorgi

presenta

E TU CHE MITO SEI?

di e con Giuseppe Sorgi

Uno spettacolo scritto, diretto e interpretato da Giuseppe Sorgi

 

La mitologia in scena. Da Venere a Selène, da Zeus a Poseidone, passando per Eros, Medea, Tifèo, Krònos, Rea, Orione e tanti altri, in un dedalo di amori, intrighi, saghe familiari e vicende degne di un Feydeau o di una divina serie tv. Ed ecco che questi mitici personaggi, apparentemente distanti, per incanto parlano invece di noi, del nostro carattere, dei nostri rapporti familiari e dei nostri amori. E lo fanno in modo comico! Qualche volta tragicomico…
Insomma, persone. Caratteri. Storie. Ovvero “Tipi psicologici” come li definì Jung. E difatti la psicologia ha attinto a piene mani dallo studio del Mito, basti pensare al mito di Edipo, ovviamente anche lui presente sul palco con tanto di mamma a seguito.
In chiave prettamente teatrale si potrebbe dire invece che dèi e semidèi in questo spettacolo divengono delle maschere, ognuna col suo carattere, le sue abitudine, le sue nevrosi. Ma pur sempre mitiche! E il mito corrispondente al nostro carattere, alla nostra storia, qual è? Quale di questi personaggi, di queste storie racconta la tua, la sua, la nostra? Incredibile come un carattere possa essere delineato con tanta precisione da queste antiche “favolette”! Qualcuno allora scoprirà magari che quella sua disastrosa storia d’amore somiglia tanto alla vicenda di Eco che, per amore di Narciso si consumò al tal punto da svanire conservando di sé solo la voce; e qualcun altro invece si sorprenderà nel ritrovare agghiaccianti somiglianze fra la propria dolce metà e Selène, la quale imbalsamò vivo il mortale Endimione pur di averlo accanto per l’eternità, oppure ancora fra i propri genitori e Demetra, Kronos, Zeus o Rea. Insomma storie remote e al tempo stesso attualissime che sul palco prendono vita con estrema naturalezza, quasi fossero da sempre abituate ai riflettori.
Il tutto indossato da Giuseppe Sorgi. Rigorosamente da solo sul palco.

“Una scelta osé, che confesso non avrei compiuto senza la collaudata certezza di Io Vergine, tu Pesci?. Così come confesso che mai avrei immaginato il pubblico tanto interessato alla mitologia. In Io Vergine, tu Pesci? accenno talvolta al mito corrispondete al segno zodiacale e replica dopo replica scaturisce sempre una pioggia di richieste da parte del pubblico, anche giovanissimo, che scrive per saperne di più. La tentazione infine di realizzare uno spettacolo interamente sul Mito è stata forte, d’altronde gli dèi, come una risata, ci aiutano a guardare in alto e dentro.”  Giuseppe Sorgi.

E accanto ai Miti altri Miti. Da Gabriella Ferri a Lucio Dalla, da Schopenhauer a Pasolini, i cui testi si intersecano al racconto. Ovviamente non manca un pizzico di astrologia e lo spettacolo infatti attinge anche al libro di Giuseppe Sorgi “Segni particolari: astrologia, miti e sabotaggi in amore” edito da Tlon.

 

📅 Da Giovedì 09 a Sabato 11 Maggio 2024 alle ore 21.00

📅 Domenica 12 Maggio 2024 alle ore 20.30

🎟️ Biglietto Intero  :  € 16.00 (+ 💳 tessera associativa di € 2,50) 

 

L’evento è riservato ESCLUSIVAMENTE ai soci di Cometa Off. 

👇 1) Prima ASSOCIATI qui 👇

ASSOCIATI

👇 2) Poi acquista i biglietti ON-LINE 👇

BIGLIETTI

 

 

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47 (angolo Piazza Testaccio)

Infoline e prenotazioni : 06 57284637

email : cometa.off@cometa.org

Teatro sanificato nel rispetto delle misure ANTICOVID.

SENZA TROPPI GRILLI PER LA TESTA

PARTERRE OFFICINE SOCIALI

presenta

santopalermo

in

SENZA TROPPI GRILLI PER LA TESTA

testo e regia di Andrea Ruggieri

con Laura Facchin e Luca Molinari

musiche di Max Ciafrei

 

Tutto ruota intorno ad una madre, un figlio e vasi ricolmi di piante di basilico. Il profumo del basilico si diffonde per la cucina mentre la madre se ne prende cura. È l’unica attività cui si dedica nel suo tempo libero. Vedova da un anno, la donna vive ormai sola, poiché il figlio ha lasciato la cittadina di provincia in cui viveva con la famiglia per dedicarsi al suo progetto : diventare un cuoco di fama internazionale.
Senza troppi grilli per la testa vuole dunque essere il racconto di due solitudini che si rincontrano, di due generazioni che si confrontano, a volte con toni aspri, a volte con scambi ironici e veloci. Da una parte una donna “senza troppi grilli per la testa”, appunto, dedita al lavoro e alla famiglia, che non ha praticamente mai lasciato la sua cucina.
Dall’altra un giovane uomo che ha saputo sfruttare la crisi alimentare globale per avviare un business nel campo della ristorazione. Entrambi nascondono un segreto (sarà lo stesso?) ed è giunto adesso il momento di svelarlo. La detonazione è inevitabile.

Lo spettacolo vuole essere un omaggio al tema della cura, dell’ambiente che ci circonda, ma ancor di più delle persone care, di quei rapporti dati per scontati, che in realtà necessitano di attenzioni continue e sempre rinnovata energia. L’ambiente visivo sonoro diventa così uno strumento accogliente e scomodo, al tempo stesso, pronto ad essere plasmato e condiviso dai due personaggi.
Alle luci è demandato il compito di disegnare un luogo intimo ma non reale, a lle musiche quello di creare uno spazio d’azione mutevole, nel quale i corpi possano definire ed evolvere il loro rapporto, al di là della parola.
Attori, scena, musiche e luci concorrono così a dipingere un interno domestico con tocchi rapidi e essenziali, nel quale madre e figlio sono finalmente in grado di dare spazio ad una nuova condivisione.

 

📅 Da Martedì 23 a Sabato 27 Aprile 2024 alle ore 21.00 

📅 Domenica 28 Aprile 2024 ore 18.00

 

🎟️ Biglietto Intero :  € 15,00 (+ 💳 tessera associativa di € 2,50)

 

L’evento è riservato ESCLUSIVAMENTE ai soci di Cometa Off. 

👇 1) Prima ASSOCIATI qui 👇

ASSOCIATI

👇 2) Poi acquista i biglietti ON-LINE 👇

BIGLIETTI

 

 

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47 (angolo Piazza Testaccio)

Infoline e prenotazioni : 06 57284637

email : cometa.off@cometa.org

Teatro sanificato nel rispetto delle misure ANTICOVID.

A FARI SPENTI

AYGOR PRODUCTION

presenta

A FARI SPENTI

testo di Solange Tonnini, Alessandro Sigalot e Gianni Cardillo

con Daniele Profeta, Luca Scapparone, Renato Marchetti e Sara Sartini

Costumi : Roberta Goretti – Scene : Michael Ceracchini – Musiche : Daniele Grammaldo e Luca Proietti

Regia di Susy Laude

 

Quanto può essere crudele l’amicizia, specchio dei nostri fallimenti, rancori sopiti in vecchie abitudini, avere da giovani grandi desideri e ritrovarsi adulti e falliti ognuno a modo suo. Quanto questo può essere difficile da accettare a tal punto da voler trascinare chi ami
nel buio, nelle profondità degli abissi. Quattro caratteri, tre fantasmi un sopravvissuto che non ha avuto il coraggio di andare fino in fondo, lasciando i cadaveri acquatici nella sua coscienza e tornare in superficie a respirare.
“Il lago di notte è un buco nero che si confonde con la notte, e ti inghiottisce come la vita.” È finita. Tutto si conclude prima o poi. Ma non vedo nessuna immagine della mia vita scorrermi accanto. Niente di niente.…Non pensavo finisse così”.

“A FARI SPENTI” è il racconto di un appuntamento di quattro amici ormai adulti che decidono di vedersi dopo anni al loro solito posto, in riva al lago, sotto un lampione e la loro panchina che li ha visti diventare grandi, la resa dei conti di un passato fallimentare e un futuro che li trascinerà negli abissi più profondi.

Durata dello spettacolo : 70 min.

 

📅 Da Giovedì 18 a Sabato 20 Aprile 2024 alle ore 21.00 

📅 Domenica 21 Aprile 2024 ore 18.00

 

🎟️ Biglietto Unico :  € 10,00 (+ 💳 tessera associativa di € 2,50)

 

L’evento è riservato ESCLUSIVAMENTE ai soci di Cometa Off. 

👇 ASSOCIATI qui 👇

ASSOCIATI

 

 

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47 (angolo Piazza Testaccio)

Infoline e prenotazioni : 06 57284637

email : cometa.off@cometa.org

Teatro sanificato nel rispetto delle misure ANTICOVID.

NON QUESTA ANTIGONE

NON QUESTA ANTIGONE

NQA

Regia e Drammaturgia di Daniele Nuccetelli

Con : Elena Biagetti, Clarissa Curulli, Anna D’Alessio, Serena Masullo, Leonardo Zarra

Supervisione al Movimento Scenico : Emanuela Panatta

Organizzazione : Daniele Coscarella e Susan El Sawi

 

Ci sono persone che nascono con la consapevolezza di ciò che le aspetta, pronte a misurarsi col proprio destino senza per forza doversi rassegnare ad esso.

Persone che non amano la sfida in sé ma il regolare ordine delle cose : il silenzio della notte, i Ray-Ban scuri sugli occhi la mattina dopo una notte insonne, il dentifricio accanto allo spazzolino, il profumo del pane appena sfornato e il desiderio, una volta per tutte, di dire la verità tutta la verità niente altro che la pura e semplice verità.

Anche se sarà peggio per loro, peggio per noi, peggio per tutti.

NOTE DI REGIA

Partendo da uno studio sul mito in rapporto alla società contemporanea, nello specifico sul testo di Antigone di Sofocle, è stata condotta una ricerca sul significato e il rapporto tra legge e giustizia cercando di analizzare i profondi conflitti intorno a quelle tematiche che ancora oggi continuano a porre interrogativi: il diritto di equità, la lotta tra autoritarismo e democrazia, l’abuso di potere.

Fare teatro è un’indagine da perseguire, un’esperienza da attraversare, un rito da compiere.

E’ grazie ad una ricerca ostinata e curiosa che il giovane artista sarà in grado di sviluppare una sincera coscienza del proprio agire sulla scena e compiere, per mezzo del suo atto artistico, quella cerimonia a cui, almeno per una volta, ogni essere umano ha sempre desiderato di partecipare : il rito teatrale.

Lo spettacolo, prodotto da MbIwa Srl in collaborazione con Monolocale Produzioni Aps, nasce dal desiderio da parte del Laboratorio di Arti Sceniche condotto da Massimiliano Bruno e del regista Daniele Nuccetelli di promuovere il talento di giovani professionisti diplomati negli ultimi anni presso il Laboratorio e costruire insieme con loro uno spettacolo di forte impatto.

 

📅 Martedì 16 Aprile 2024 alle ore 21.00

📅 Mercoledì 17 Aprile 2024 alle ore 21.00

 

🎟️ Biglietto Intero :  € 15,00 (+ 💳 tessera associativa di € 2,50)

 

L’evento è riservato ESCLUSIVAMENTE ai soci di Cometa Off. 

👇 ASSOCIATI qui 👇

ASSOCIATI

 

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47 (angolo Piazza Testaccio)

Infoline e prenotazioni : 06 57284637

email : cometa.off@cometa.org

Teatro sanificato nel rispetto delle misure ANTICOVID.

NAUFRAGHI DA MARCIAPIEDE

NAUFRAGHI DA MARCIAPIEDE

Uno spettacolo senza fissa dimora

in scena Stefano Starna e The Niro

Regia di Nicoletta Della Corte – Canzoni di The Niro

Grafica Locandina : Fabio Listrani – Grafiche Spettacolo : Francesca Mazzani – Fotografie : Serena Dattilo

 

 

Naufraghi da marciapiede è un testo che trae ispirazione dalla vita di Evio Botta, senza fissa dimora sui generis con un passato da chef e artista che ha trascorso gli ultimi venti anni della sua esistenza a vivere o meglio sopravvivere a Roma. Attraverso il racconto del senza tetto, interpretato da Stefano Starna e le canzoni del cantautore The Niro con lui sul palco, viene mostrata la sua condizione di naufrago sociale da un punto di vista insolito quanto reale.
La scena è ambientata nello storico Rione di Trastevere dove il protagonista passa le sue giornate nell’indifferenza generale. L’incontro con un musicista di strada, gli consentirà di raccontarsi apertamente e non sentirsi più solo e invisibile.
Il testo mostra la condizione dei senza tetto attraverso uno sguardo ironico e drammatico.

La regia attenta e sensibile è di Nicoletta Della Corte.

Stefano Starna è un attore, doppiatore, e speaker romano, ha cominciato la sua attività teatrale studiando commedia dell’arte, poi si è specializzato nel doppiaggio e opera nel settore da oltre 15 anni.
Nell’ambito del sociale è stato volontario con Caritas, Centro ricerca e cura della balbuzie, e diverse Ong internazionali.

The Niro è un cantautore e compositore romano con una lunga e acclamata carriera. Vanta collaborazioni internazionali, dal manager dei Radiohead Chris Hufford, a Gary Lucas, a James MC Teigue, regista di V per Vendetta . Il suo ultimo album è stato finalista alle Targhe Tenco 2023 nella categoria miglior canzone dell’anno con il brano Replay.

Nicoletta Della Corte è attrice e cantante, attualmente in scena assieme a Massimo Wertmuller con lo spettacolo Lina’s Rapsody, omaggio a Lina Wertmuller. Ha scritto e interpretato lo spettacolo di successo Effetto Truffaut per la regia di Valerio Ruiz e canta brani di Paolo Conte e Fabrizio De Andre nel concerto Così Lontani, Così Vicini attualmente in tournée.
Esordisce alla regia con lo spettacolo Naufraghi Da Marciapiede.

 

📅 Da Giovedì 11 Aprile a Sabato 13 Aprile 2024 alle ore 21.00

📅 Domenica 14 Aprile 2024 alle ore 18.00

 

🎟️ Biglietto Intero :  € 17,50 (+ 💳 tessera associativa di € 2,50)

 

L’evento è riservato ESCLUSIVAMENTE ai soci di Cometa Off. 

👇 ASSOCIATI qui 👇

ASSOCIATI

 

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47 (angolo Piazza Testaccio)

Infoline e prenotazioni : 06 57284637

email : cometa.off@cometa.org

Teatro sanificato nel rispetto delle misure ANTICOVID.

SIGNORINE NEL TEMPO

SORRISI D’AUTORE 

presenta

SIGNORINE NEL TEMPO

L’EPOPEA DELLE SIGNORINE BUONASERA

di Veronica Liberale

con Camilla Bianchini, Giada Fradeani, Veronica Liberale e Luigi Pisani

Regia di Pietro De Silva

 

Torino, gennaio 1954.

Sandra Adelini, commessa in prova, in un negozio di elettrodomestici, si ritrova a vivere una giornata storica per il paese e per la comunicazione: l’inizio delle trasmissioni televisive. Alle prese con i clienti accalcati di fronte ai primi televisori e al mondo del lavoro , ancora maschilista e poco possibilista per le donne, Sandra sogna un futuro migliore e lo fa davanti alla scatola magica, di fronte alla quale è destinata a conoscere quello che diventerà il padre di suo figlio, giunto in negozio per comprare una lavatrice Zoppas. Dentro quella scatola magica c’è Nicolina, la prima annunciatrice della TV, un’ apparizione dolce e rassicurante, chiamata per umanizzare la televisione, pioniera in un mondo ancora sconosciuto. Con il televisore che fa da cornice al suo affascinante mezzo busto, Nicolina sa che dovrà guidare per mano i telespettatori annunciando film, rubriche, varietà, spot pubblicitari. Veloce a intervenire in caso di problemi tecnici o interruzioni improvvise.

Sempre rassicurante, sempre sorridente, sempre pronta. In bilico tra le potenzialità del nuovo mezzo di comunicazione in grado di portare progresso, alfabetizzazione e cultura in tutto il paese, e le sue conseguenze dettate dai limiti del mezzo stesso. ll destino di Sandra e Nicolina si incrocia ed è a legato a doppio filo con quello di una terza signorina, Maria Rosella, annunciatrice del 2003, appena giunta negli studi televisivi per iniziare la giornata più difficile della sua carriera, che si concluderà con una rivelazione: una drastico riduzione di orario di lavoro. La risposta dei dirigenti cerca di indorare la pillola, parlano di ridimensionamento, di altre opportunità, di rinnovo dell’immagine. Ma la realtà è cruda come uno schiaffo in pieno viso : Maria Rosella, insieme ad altre sue colleghe “della vecchia guardia”, è stata sollevata dal suo incarico e sostituita da giovanissime ragazze, in buona parte provenienti dalle fila di concorsi di bellezza.
In scena, la storia delle tre donne, signorine nel tempo, che con la loro dolcezza, la loro professionalità, la loro forza, sfidano le avversità del loro tempo, avviene su tre piani paralleli, sui quali si muove la figura di un narratore, che racconta la loro storia, entrando a farne parte e rappresentando le figure maschili che le tre protagoniste, incontrano nel loro viaggio.

NOTE DELL’AUTRICE : Con questo testo s’intende omaggiare quelle icone che sono state le annunciatrici italiane dagli esordi della televisione fino alla loro graduale scomparsa, specchio di una t.v. non certo perfetta ma sicuramente più garbata e professionale rispetto alla sciatteria, aggressività e superficialità della comunicazione contemporanea.
La storia delle tre donne, i cui nomi di fantasia sono un leggero ricordo di quelli veri, è romanzata, in modo tale che all’interno di queste figure di fantasia possano concentrarsi le caratteristiche, le esperienze lavorative e l’essenza di quello che hanno rappresentato le “Signorine Buonasera” per gli italiani. In questo senso raccontando la loro storia personale si vuole raccontare indirettamente quella del paese.
Gli attori in scena sono quattro. Tre donne protagoniste, supportate da un attore uomo che interpreterà mano a mano tutti i personaggi maschili (dirigenti rai, mariti, ammiratori, colleghi) che ruotano intorno alle indimenticabili “Signorine Buonasera”.

 

📅 Da Martedì 02  a Sabato 06 Aprile 2024 alle ore 21.00

📅 Domenica 07 Aprile 2024 alle ore 18.00

🎟️ Biglietto Intero  :  € 17,50 (+ 💳 tessera associativa di € 2,50) 

 

L’evento è riservato ESCLUSIVAMENTE ai soci di Cometa Off. 

👇 1) Prima ASSOCIATI qui 👇

ASSOCIATI

👇 2) Poi acquista i biglietti ON-LINE 👇

BIGLIETTI

 

 

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47 (angolo Piazza Testaccio)

Infoline e prenotazioni : 06 57284637

email : cometa.off@cometa.org

Teatro sanificato nel rispetto delle misure ANTICOVID.

CHILOMETRO 42

PROGETTO SUPERFICIE

presenta

CHILOMETRO 42

scritto da Giovanni Bonacci

diretto e interpretato da Angela Ciaburri

musica dal vivo di Munendo

 

Angela Ciaburri, molto attiva non solo in teatro (CARROZZERIA ORFEO, TEATRO STABILE DI GENOVA), ma anche al cinema e in tv (tra gli ultimi lavori GOMORRA LA SERIE, YARA di Marco Tullio Giordana, GIRASOLI di CATRINEL MARLOM, NOI e RESTA CON ME per Rai1 e altri progetti in uscita), presenterà al pubblico, nel ruolo di attrice e regista, lo spettacolo, in forma di monologo, “CHILOMETRO 42”; scritto da Giovanni Bonacci, in collaborazione con Progetto Superficie di Matteo Santilli.
In “Chilometro 42” vengono raccontate le tappe fondamentali della vita di Kathrine Switzer, la prima donna nella storia che abbia mai corso una maratona. La pièce è accompagnata dalla musica dal vivo di Munendo che, coniugando strumenti elettronici a quelli classici, sonorità degli anni ‘60 a possibilità ultra contemporanee; crea una colonna sonora in continuo dialogo con l’attrice. La storia di questo personaggio, che ha segnato profondamente il mondo dello sport e il rapporto di quest’ultimo con la società civile, avvia una riflessione in parole e musica su temi centrali quali l’inclusione, il riconoscimento e la parità dei diritti. Qui, infatti, la corsa, più che oggetto della messa in scena, diventa allegoria: la ricerca della propria identità passando attraverso crepe, crisi e rotture.

 

📅 Da Mercoledì 27 a Venerdì 29 Marzo 2024 alle ore 21.00 

 

🎟️ Biglietto Intero :  € 15,00 – Biglietto Ridotto : €  12,50 (+ 💳 tessera associativa di € 2,50)

 

L’evento è riservato ESCLUSIVAMENTE ai soci di Cometa Off. 

👇 1) Prima ASSOCIATI qui 👇

ASSOCIATI

 

 

TEATRO COMETA OFF

Via Luca della Robbia 47 (angolo Piazza Testaccio)

Infoline e prenotazioni : 06 57284637

email : cometa.off@cometa.org

Teatro sanificato nel rispetto delle misure ANTICOVID.